Letteratura e critica - Libri d'arte
Il lavoro dell'artista è il continuo scavo nel mistero Francis Bacon

Massimo Morasso, Saturnia pyri, Il Ragazzo innocuo, 2015

Condividi:
Share
Libro d’artista composto da una poesia di Massimo Morasso e nota critica di Elisabetta Motta. Xilografia di copertina e acquaforte originali di Luciano Ragozzino. Composto e stampato tipograficamente a mano con caratteri Bodoni su carta Hahnemühle. La Tiratura è di 50 esemplari numerati e firmati. Edizioni Il Ragazzo innocuo, Milano, 2015. - Formato 14,5 x 22,5 cm
Libro d’artista composto da una poesia di Massimo Morasso e nota critica di Elisabetta Motta. Xilografia di copertina e acquaforte originali di Luciano Ragozzino. Composto e stampato tipograficamente a mano con caratteri Bodoni su carta Hahnemühle. La Tiratura è di 50 esemplari numerati e firmati. Edizioni Il Ragazzo innocuo, Milano, 2015. – Formato 14,5 x 22,5 cm

carica file PDF di questo contenutoTesto critico

«Viviamo in mezzo ai segni, sotto traccia, / spie dei rovesci dei cieli e dell’aria insondabile / legati a quanto in noi tesse il destino» scrive Massimo Morasso in Genesi VI (La Caccia spirituale, Jaca Book, Milano, 2012, p.22).

La sua poesia, che coniuga terrestre e celeste, opera un tentativo di svelare questi segni  che danno corpo all’invisibile, al mistero. Egli, attraverso una procedura ermeneutica che parte dalla centralità della propria  individualità, giunge alle successive fasi di descrizione-interpretazione-comprensione del gran testo del mondo. Con  il suo sguardo «distaccato» e «pietoso» opera  una messa a fuoco dentro al reale, fino a giungere alla visione. Nobilitando rilkianamente le cose, accordando il loro diritto a parlare di sé e dell’osservatore stesso, ci rivela  il loro contenuto spirituale. Si avverte lo stare sulla terra come in una condizione di passaggio, in un tempo attraversato dall’altrove e in un spazio abitato da presenze sempre pronte a svelarsi: tremiti, battiti d’ali, odori, voci, luci … Entro una dimensione creaturale di stampo luziano non ferma sul singolo soggetto umano ma che tanto più si  invera quanto più raccoglie e ospita tutti i viventi, trovano posto le piante, la grande falena,  la voce del vento protagonisti del componimento Saturnia Pyri. Zefiro, con il suo soffio primaverile caldo e brioso, da quid impalpabile si personifica  in una presenza concreta che scuote i germogli, infondendo in essi il suo alito vitale. Sul muro uno splendido esemplare di saturnia pyri si fa figura dell’esistenza ferita, imprigionata e segnata costantemente dall’appartenenza all’altrove. Immobile, con  la bocca atrofizzata, chiusa al cibo e al linguaggio, consuma così il suo breve transito terrestre, comunicandoci con le sue antenne filiformi e odorose «di non essere / che un tramite dell’anima, un passaggio». Vivrà solo il tempo necessario per assicurare la riproduzione e la continuità della specie. Sulle grandi ali le decorazioni di occhi di cui è dotata, difesa naturale per spaventare gli uccelli rapaci, richiamano gli occhi di Dio: nella visione creaturale di Morasso il «divino» o piuttosto il mistero sta anche dentro le cose stesse, è visibile sulla loro superficie. I versi lunghi, non allineati, così lontani dalla misurata compostezza classica del citato sonetto petrarchesco (Zephiro torna, e’l bel tempo rimena), solo apparentemente ci indirizzano verso una prosaicità che si fa transito terrestre, diventando piuttosto un trampolino di lancio verso l’aldilà.

Edizioni Il ragazzo innocuo
ilragazzoinnocuo.it

Condividi:
Share
Posted in Curatele Libri d’Arte

Elisabetta Motta View posts by Elisabetta Motta

Sono scrittrice, autrice di articoli, recensioni, interviste e saggi critici sulla poesia contemporanea. Amo l’arte in ogni sua forma, in particolare mi affascina in poesia il binomio parola / segno. Ho avuto la fortuna di incontrare nel corso degli anni alcuni piccoli editori che realizzano libri d’arte e poter collaborare alle loro edizioni con i miei testi critici. Come operatrice culturale organizzo eventi per La Casa della Poesia di Monza (di cui sono Vicepresidente dal 2015) nello splendido scenario della Villa Reale e del parco. Insegno lettere da molti anni in un liceo artistico a dei ragazzi meravigliosi ai quali cerco di trasmettere la mia passione per la poesia e per la bellezza e la convinzione che il lavoro dell’artista è il continuo scavo nel mistero. E di certo continuerò, finché avrò voce e fiato per farlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scroll to top