Letteratura e critica - Libri d'arte
Il lavoro dell'artista è il continuo scavo nel mistero Francis Bacon

Segni di Passaggio. Hohokam

Condividi:
Share
Copertina Hohokham di Fabio Pusterla
Copertina Hohokham di Fabio Pusterla

SEGNI DI PASSAGGIO. Hohokam di Fabio Pusterla è un libro d’arte che si compone di una poesia inedita di Fabio Pusterla, un’incisione di Luciano Ragozzino e una nota critica di Elisabetta Motta. Questa edizione è stata composta e stampata a mano con caratteri Magister su carta Amatruda di Amalfi con i torchi dell’Ex gelateria di via Guinizelli 14 per i tipi de Il ragazzo innocuo in 50 esemplari numerati e firmati nel mese di marzo 2021.

Incisione di Luciano Ragozzino contenuta in Hohokam
Xilografia di Luciano Ragozzino contenuta in Hohokam

Nota critica di Elisabetta Motta a Hohokam

Hohokam è un testo nato dalla riflessione intorno a una delle tante civiltà scomparse e al tema della presenza /assenza umana nel paesaggio. Se da un lato cogliamo un senso di perdita irreversibile verso Those who vanished, a causa dell’azione corrosiva del tempo e delle difficoltà nel seguire le loro esili tracce, dall’altra parte però si avverte una sorte di “sospensione”, come se dall’interno stesso di questa “mancanza” potessero fiorire nuove occasioni di vita e di conoscenza. Esse sono simboleggiate dall’irrompere delle varie “Angelicanze”, riconoscibili solo da chi sa abbandonarsi alla vita fluttuante dello spirito, ma anche dai vari “segni” che tracciati «sopra un sasso / o nel fumo di un antro» confusamente parlano di noi. Solo la coscienza di una storia (e di una preistoria) alle nostre spalle e uno sguardo “altro” sul mondo permettono di svelarne il senso e ricondurli, tramite l’intuizione poetica, ai simboli e agli archetipi che giacciono nella nostra “caverna interiore”, ristabilendo dei punti di contatto e tessendo dei fili esistenziali fra le varie figure.

Nel finale, la percezione di un tempo non lineare, ma ondoso, dischiude le porte ad un altrove in cui sarà forse possibile «svanire» per «ritornare segni di passaggio», riattivando così un dialogo interrotto in virtù del pathos artistico.

HOHOKAM di Fabio Pusterla

Those who vanished
hanno lasciato tracce
di non si sa più cosa
come uno zampettio su sabbie fragili:
muri crepati, altane
ora deserte, piste.

La loro assenza angelica
ci turba e ci consola
quando il cielo è più basso
e vaste nere nuvole
ci schiacciano. A volte sopra un sasso
o nel fumo di un antro
un segno parla di noi senza farsi capire.
Dice che c’è qualcosa di più grande
un modo  di sentire.
Che il tempo ha uno spessore
e non procede come freccia impavida
che ignora il suo finire.

Se il tempo è come un’onda
come una macchia d’olio nello spazio
se la sua curva porta in direzioni
vaghissime e possibili
forse potremo svanire anche noi
per ritornare segni di passaggio.

Firma copie di Segni di passaggio. Il ragazzo innocuo, 2021- Atelier in Milano
Firma copie di Segni di passaggio. Il ragazzo innocuo, 2021- Atelier in Milano
Condividi:
Share
Posted in Curatele Libri d’Arte

Elisabetta Motta View posts by Elisabetta Motta

Sono scrittrice, autrice di articoli, recensioni, interviste e saggi critici sulla poesia contemporanea. Amo l’arte in ogni sua forma, in particolare mi affascina in poesia il binomio parola / segno. Ho avuto la fortuna di incontrare nel corso degli anni alcuni piccoli editori che realizzano libri d’arte e poter collaborare alle loro edizioni con i miei testi critici. Come operatrice culturale organizzo eventi per La Casa della Poesia di Monza (di cui sono Vicepresidente dal 2015) nello splendido scenario della Villa Reale e del parco. Insegno lettere da molti anni in un liceo artistico a dei ragazzi meravigliosi ai quali cerco di trasmettere la mia passione per la poesia e per la bellezza e la convinzione che il lavoro dell’artista è il continuo scavo nel mistero. E di certo continuerò, finché avrò voce e fiato per farlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scroll to top