Letteratura e critica - Libri d'arte
Il lavoro dell'artista è il continuo scavo nel mistero Francis Bacon

Giovanni Colombo, Sguardi da Oria, Il Ragazzo innocuo, 2014

Condividi:
Share
Libro d’arte con un’incisione acquerellata e un testo di Giovanni Colombo con una nota di Elisabetta Motta. Stampato tipograficamente a mano con caratteri Cairoli su carta Hahnemühle da Luciano Ragozzino in 44 copie numerate e firmate. Edizioni Il Ragazzo innocuo, 2014. Formato 16x16 cm
Libro d’arte con un’incisione acquerellata e un testo di Giovanni Colombo con una nota di Elisabetta Motta. Stampato tipograficamente a mano con caratteri Cairoli su carta Hahnemühle da Luciano Ragozzino in 44 copie numerate e firmate. Edizioni Il Ragazzo innocuo, 2014. Formato 16×16 cm

Scritto di Elisabetta Motta

Ora è un paese che segna l’estremo limite ovest della Valsolda, collocato a ridosso del confine con il Canton Ticino. Da lì lo sguardo può abbracciare un paesaggio bellissimo e suggestivo, fatto di luci e riviere, prospettive di monti digradanti repentinamente e a volte più dolcemente sullo specchio del lago sottostante. Un paesaggio ritratto in moltissime stampe d’epoca e assai amato dai viaggiatori in transito per quei luoghi fra XVIII e XIX secolo.

In questo territorio è vissuto Fogazzaro, che vi ha ambientato il suo celebre romanzo Piccolo mondo antico e ancora vi è la sua casa, oggi proprietà del FAI, meta di numerosi visitatori. Un territorio scampato allo scempio edilizio odierno e che ha mantenuto piccoli nuclei abitativi fatti di case addossate e chiuse gelosamente in sé stesso, ricco di boschi che hanno riacquistato faticosamente gli spazi sottratti dal lavoro dell’uomo nel corso dei secoli.

Giovanni Colombo, artista comasco, ce lo ripropone intatto con tutto il suo fascino attraverso diverse vedute delle sponde comasche e ticinesi sul Ceresio.Nell’utilizzare una tecnica mista (acquaforte, acquatinta, punta secca, acquerellatura) si è lasciato guidare (come aveva già fatto Fogazzaro nel descrivere poeticamente quel paesaggio) da un ibridismo di stile e di linguaggio che è specchio della realtà di quei luoghi alternante fra altezza e profondità, fra luce e oscurità, fra chiusura e apertura. Le varie campiture, attraverso l’uso di toni, tratteggi e colori evidenziano un’atmosfera di sospensione, di “tacita attesa”. La diversa temporalità delle immagini di cielo, montagne e acque riconduce alla misteriosa stratificazione e ambiguità del paesaggio, solare e invitante di giorno ma inquietante all’imbrunire. Con il calar della sera, infatti, sembrano cambiare le proporzioni e le distanze e una sensazione di turbamento affiora dalle acque del lago. Un paesaggio “a due anime”, che ha di certo influito sulla psicologia dei suoi abitanti. Se da un lato la conformazione geografica del territorio che ha determinato l’isolamento ne ha forgiato il carattere chiuso e schivo, dall’altro l’interruzione del campo visivo alla linea d’orizzonte ha costituito uno stimolo a far sì che il pensiero fluisse nella contemplazione, nell’immaginazione e nel sogno. Una “lotta” che prosegue negli anni e che ancora ci affascina per la sua componente di mistero che solo a tratti si svela attraverso una pennellata di colore, una parola sospesa, un cambio di luce repentino, un volo di cormorani, restando tuttavia insondabile e inafferrabile come le acque specchianti del lago.

Edizioni Il ragazzo innocuo
ilragazzoinnocuo.it

Condividi:
Share
Posted in Curatele Libri d’Arte

Elisabetta Motta View posts by Elisabetta Motta

Sono scrittrice, autrice di articoli, recensioni, interviste e saggi critici sulla poesia contemporanea. Amo l’arte in ogni sua forma, in particolare mi affascina in poesia il binomio parola / segno. Ho avuto la fortuna di incontrare nel corso degli anni alcuni piccoli editori che realizzano libri d’arte e poter collaborare alle loro edizioni con i miei testi critici. Come operatrice culturale organizzo eventi per La Casa della Poesia di Monza (di cui sono Vicepresidente dal 2015) nello splendido scenario della Villa Reale e del parco. Insegno lettere da molti anni in un liceo artistico a dei ragazzi meravigliosi ai quali cerco di trasmettere la mia passione per la poesia e per la bellezza e la convinzione che il lavoro dell’artista è il continuo scavo nel mistero. E di certo continuerò, finché avrò voce e fiato per farlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scroll to top